32° GIROVERDE

Domenica 13 Settembre 2020

“GRAZIE. Grazie al presidente e a tutti i volontari per il regalo di questa mattina. Grazie per averci fatto assaporare una parvenza di normalità, per averci fatto rivedere tante persone e amici che da tempo non incontravamo. Tutti oggi vi sono grati, tutti oggi vi fanno i complimenti. Non è stata una semplice corsa.. è stato come tornare alla nostra vita. Speriamo si possa ripetere a breve anche con le altre corse. Bravissimi. ❤“.Abbiamo scelto le parole di Paolo, che si sommano a quelle di molti altri partecipanti alla 32° edizione del Giroverde di Camisano perché colgono esattamente lo spirito con cui è stata organizzata la nostra corsa in un anno complicato come quello che stiamo vivendo. La voglia di ripartire… La scelta di riprovarci…Il timore di sottovalutare qualcosa…L’entusiasmo di lavorare insieme in nome di una passione, la corsa, che ci unisce… Queste sono le sensazioni che hanno caratterizzato le ultime settimane all’interno del Camisano Running.Giampi, il nostro Presidente, quest’anno si è davvero superato. Ed è riuscito, nonostante le numerose restrizioni imposte dall’emergenza Covid, ad organizzare – senza tralasciare nessun dettaglio – la rinomata tapasciata che si svolge ogni anno a metà settembre nel Comune di Camisano.Operativo fin dalle prime luci dell’alba, insieme ad una squadra di volenterosi runners e sostenitori della società, Giampi ha innanzitutto predisposto una serie di controlli per l’accesso alla manifestazione, per la quale partenza ed arrivo sono stati collocati, per ragioni di spazio e per evitare assembramenti, nella zona artigianale del paese e non all’oratorio, come negli anni passati.All’arrivo a Camisano era impossibile non esser colpiti dalla presenza di un tunnel, con funzione di termoscanner e di sanificazione, posto all’ingresso dell’area della corsa, che ha permesso – insieme ai termoscanner, utilizzati da altri volontari, di misurare la temperatura corporea a tutti i partecipanti alla gara, così da poter bloccare – prima dell’iscrizione – eventuali persone “a rischio” .Passata la prima fase, veniva richiesto, a chi non ne fosse già in possesso, la compilazione, sotto la supervisione di diversi volontari, di un modulo di autocertificazione Covid-19 per attestare lo stato di buona salute dei partecipanti alla corsa, da consegnare al momento dell’iscrizione.Nella zona di partenza sono infine state predisposte ben 7 postazioni (5 per tesserati Fiasp e due per i non tesserati) per iscriversi, evitando cosi code e relativi assembramenti.Ad ogni iscritto è stato consegnato un bracciale per l’accesso ai percorsi (4 i tracciati disponibili: 7,5 ,14, 20,5 e 23 km, tutti ben segnalati, con la presenza di numerosi volontari con le bandierine lungo il percorso) ai ristori intermedi e per ritirare il pacco gara al termine della corsa. Per ovvie ragioni non è stato infatti possibile allestire il ricco ristoro finale, che negli anni precedenti allietava l’arrivo dei podisti, ma è stato comunque consegnato ad ogni partecipante un sacchetto confezionato contenente dei prodotti, rigorosamente sigillati, per rifocillarsi dopo la fatica.Il numero dei partecipanti è stato incoraggiante(559) e spinge tutti noi a sperare che, nel rispetto di tutte le misure e precauzioni necessarie per combattere la diffusione del Covid19, si possa presto ritornare alle buone e vecchie abitudini e ricominciare a correre ogni domenica in un paese diverso, ritrovandosi settimana dopo settimana con immutato entusiasmo.Un grosso grazie a tutti voi, runner che questa mattina ci siete venuti a trovare, riempiendoci di orgoglio per i complimenti ricevuti. Grazie a tutti i volontari che hanno contribuito con varie mansioni, organizzando ogni dettaglio della giornata per assicurare la buona riuscita dell’evento, partendo dall’assistenza nel parcheggio ed arrivare poi al servizio scopa, oltre che tutti gli step intermedi, già descritti sopra.Grazie soprattutto a Gian Pietro Salvitti, fautore e anima di questo gruppo, capace di coordinare, ma soprattutto di coinvolgere e trascinare con il suo entusiasmo tutti noi! Nico

3 risposte

  1. Paolo ha detto:

    Confermo quanto scritto. Siete stati fantastici, ci avete regalato una mattinata ricca di emozioni. Chi non corre non può capire cosa abbiamo provato a rivedere ” le solite facce della domenica “, a rivedere quei sorrisi e quelle espressioni incredule, quasi a dire.. lo stiamo facendo davvero? Avete gestito tutto alla perfezione, non si è vista mezza coda, tutto è stato fluido e senza intoppi. Bravi. Sono orgoglioso di portare la vostra maglia e far parte di questa grande famiglia.

  2. Stefania Grisa ha detto:

    Onorata di far parte di questo gruppo fantastico ,grazie al nostro presidente Giampi che in primis si sbatte sempre xe ‘ tutto sia perfetto quindi anche x noi è tutto più semplice 😍. Grazie di ❤ a tutti quelli che hanno partecipato

  3. Armando Rota ha detto:

    Finalmente sono riuscito a partecipare per la prima volta al vostro Giroverde. Tutto bello: organizzazione, percorso, natura. Rivedo ora le foto.Ho camminato il percorso più lungo, alla fine il mio ginocchio ,già un po’ dolente alla partenza, si è “vendicato” faticando a salire in macchina e ritornare a casa, ma francamente ne è valsa la pena! Bravi e ancora grazie. Un caro saluto Armando.

Rispondi a Stefania Grisa Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *