Di corsa Crema/Bergamo e ritorno

Sabato 11 Luglio 2020

Senza nulla togliere a chi il dramma del coronavirus l’ha vissuto in prima persona non si può certo negare che anche a noi runner ha tolto tanto, niente gare, niente tapasciate e per un breve periodo anche le nostre corse in solitaria erano diventate un problema. Però poi quando le restrizioni sono diminuite e si è potuto tornare ad una vita un po’ più normale questo virus qualcosa c’ha restituito. In molti di noi si sono resi conto di quanto fosse importante la corsa nella propria vita, di quanto fosse bello correre all’aria aperta con rumori e suoni che non si ascoltavano ma che adesso sono ben nitidi e distinti. Capita poi che la prima domenica mattina dalla riapertura alla corsa ci si ritrova quasi per caso sullo stesso percorso io, Fulvio e Andrea…. Che bello poter correre anche se per pochi km in compagnia, rispettando le nuove misure di sicurezza ovviamente. E capita sempre in questo periodo che Lorenzo, nostro estroso compagno di squadra del CAMINSANO RUNNING pensa di fare una 100km nelle nostre zone visto che anche il Passatore, da lui amato e che quest’anno avrebbe visto una folta rappresentanza del Camisano sui nastri di partenza, era stato annullato. Crema – Bergamo e ritorno da fare in giornata, l’11 luglio. Lorenzo ha in mente di passare da Mozzanica – Fornovo – Bariano, i nostri paesi, ed appena lo si viene a sapere è venuto naturale a tutti l’idea di accompagnarlo per un tratto della sua lunga corsa. Ci confrontiamo tra noi e si decide di arrivare fino a Cologno, una decina abbondante di km. Nel frattempo, nelle nostre corse domenicali e a volte anche infrasettimanali, si è aggiunta anche Michela di Bariano, giovane promessa con un cognome che è già una garanzia. Ci sembra giusto coinvolgerla e lei accetta subito di buon grado incuriosita dal poter incontrare una persona in grado di correre per 100km. Un po’ come prima di una gara, le ore che precedono il sabato 11 luglio un po’ di agitazione ti viene, alla fine si vuol fare tutti bella figura oltre che divertirsi. Lorenzo arriva a Mozzanica verso le 7.30, noi siamo ad attenderlo al bar Roma, giusto il tempo di fare un paio di foto, bere con calma e riposarsi qualche minuto e poi via, verso Bariano. È lui a fare il passo…. E che passo ma va bene così, l’eroe di giornata è lui ed è giusto così. Sottopasso (più dolce da fare) o cavalcavia (una bella rampa credetemi)? Cavalcavia senza esitazione e poi giù verso il ristoro barianese da Stefy. Ristoro meraviglioso e lei splendida come suo solito. C’è anche Giampi ad attenerci, (il nostro Capo come mi piace chiamarlo) una sorpresa inaspettata che rincuora tutti. Noi 4 siamo sudati morti e abbiamo fatto solo poco più di 4km, Lorenzo pure lui trasuda ovunque ma la mente è lucida ed il suo sorriso ci fa capire che ne ha ed allora? Allora si riparte, direzione Cologno. Fino a Morengo è tutta ciclabile quindi siamo tutti più tranquilli e si scambiano anche due battute poi però siamo sulla statale, il traffico è blando ma le macchine non mancano come non mancano i ciclisti, in tanti salutano intuendo che noi siamo 5 matti improvvisati ma che c’è un qualcosa di più profondo e lo dimostrano i 2 palloncini che si sta portando appesi da Crema Lorenzo: unire nel ricordo due città colpite pesantemente dal virus. Il giorno prima Fulvio aveva lasciato la macchina a Cologno con su qualcosa di fresco per dissetarsi ed il cambio. Il nostro compito è finito, siamo arrivati al nostro traguardo mentre per Lorenzo è ancora lunga, a Zanica lo aspettano altri compagni di squadra, Lorenzo e Chiara, per scortarlo per un altro tratto. Ci si saluta, lo si vorrebbe abbracciare ma di questi tempi non è possibile ed allora almeno una stretta di mano non può mancare (almeno quella) e via lui che riparte per la sua impresa e noi che piano piano, Andrea soprattutto, ci rendiamo un attimo più presentabili per bere qualcosina al bar lì vicino e poi via di ritorno verso le proprie abitazioni e famiglie con qualcosa in più nel cuore perché di questi tempi anche il semplice correre in compagnia con un traguardo è un qualcosa di cui si sentiva la mancanza, quindi grazie Lorenzo! Poi si ritorna a casa e come in una manifestazione podistica il nostro Presidente ci tiene informati sui tempi e sulle varie tappe di Lorenzo. Alle 15.00 è a Bariano (in anticipo rispetto al tempo preventivato) Stefy è ancora li ad aspettarlo per il ristoro del 75.mo km. Poi riparte e purtroppo un brutto temporale si abbatte su Lorenzo. Noi del gruppo tutti preoccupati cerchiamo di avere altre notizie (perché naturalmente lui non risponde al telefono….) Alle 16.18 è al 90.mo km, arriva un vocale, lui sta bene e non vede l’ora di arrivare. L’avventura si conclude con il tempo di 11 ore e 24 minuti. Grazie di cuore Lorenzo, la tua avventura ha emozionato tutti noi! GRAZIE anche al nostro Presidente e ai compagni del CAMISANO RUNNING. — LUISELLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.