Domenica 24 Ottobre 2021 Venice Marathon

Alessandro Fortini. Eccomi ancora una volta in griglia, il freddo si fa sentire, e pure qualche dolore. Con me come sempre porto gli stessi pensieri negativi, cerco la concentrazione guardando il cielo ripromettendomi di dare come al solito il 200%
Conto alla rovescia 10-9-8… via si parte, ed ecco ,piccoli dolori si fanno sentire , la testa pensa subito al peggio…Sarà questo a fermarmi? Ricerco la concentrazione, scaccio i brutti pensieri e mi accodo ai pacer delle 3 ore, il mio sogno di oggi. I km passano in fretta e la fatica si fa sentire, probabilmente non ho recuperato abbastanza energie dalla mezza di domenica. Cerco di nuovo la concentrazione, non si può mollare proprio ora!!!! Stringo i denti e arrivo al ponte della libertà, vento contro, stanchissimo, i pacer si allontanano piano piano, non ho la forza di restare in scia, rallento leggermente e finalmente entro in Venezia! Il pubblico si fa sentire e ritrovo la carica. Guardo l’ orologio, sono consapevole che oggi non sfonderò il muro delle tre ore, ma posso fare il personale, cerco le ultime energie e mi dirigo verso il traguardo. Lo guardo da lontano, le tre ore sono scoccate, accelero supero un paio dì runner e taglio il traguardo… 3:00:51 …Riguardo il cielo, ringrazio chi come sempre crede in me in tutte le gare, respiro profondamente, mi guardo intorno e mi godo lo spettacolo…. Grazie Venezia è stata un’ esperienza dura ma bellissima!!!!

Tamara Severgnini.
Oggi Venezia e stata illuminata da uno splendido sole e dal calore dei numerosi runners alla partenza. Tutti uniti sullo start per macinare km ma soprattutto per vivere un viaggio della mente non solo del corpo…Emozioni date anche dal solo rumore dello svolazzare dei pettorali al vento e dal regolare rumore dei passi sull’ asfalto…Il famoso ponte tanto sospirato quanto temuto arriva e così si intravede mentalmente già il finish…Piazza s. Marco poi gremita di gente che applaude un’ emozione da pelle d’ oca!!!!Venezia vista in corsa e’ tutta un altra cosa…La corsa rende magico qualsiasi cosa !!!!!!

Irene Vaccari.
Tanta ansia stavolta… non so perché forse non ero pronta come avrei voluto, di fatto notte in bianco e levataccia! L’atmosfera subito amichevole, grandi risate.. poi l’arrivo a Stra’ la solita fila x il bagno prima di partire e via… i primi 21 km direi bene.. fino a 25, 28 dignitosi.. poi crampi come sempre e il calvario è iniziato…a tratti mi sono aggregata a vari gruppi, poi ho ritrovato gli amici del camisano con i quali ero partita.. Luisella, Fulvio e Roberto… gli ultimi km insieme, sofferenza comune… poi l’arrivo in una piazza S. Marco maestosa.. mi sono venute le lacrime agli occhi dallo splendore e dalla gioia di esserci arrivata! Diciamocelo!
Il dopo corsa il solito spettacolo.. grandi risate e nuovi progetti insieme. Venezia bella si… ma la grande famiglia del camisano Running di più! Grazie di cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.